Seminatrice: scelta e acquisto

Prima di decidere l’acquisto di una seminatrice per il proprio orto o giardino è importante scegliere quella giusta per le proprie esigenze. Quindi è necessario conoscere bene gli elementi che la compongono Parti meccaniche che compongono una seminatrice A prescindere da quale sia il modello di seminatrice, possiamo dire che generalmente essa è composta da […]

Seminatrice

Prima di decidere l’acquisto di una seminatrice per il proprio orto o giardino è importante scegliere quella giusta per le proprie esigenze. Quindi è necessario conoscere bene gli elementi che la compongono

Parti meccaniche che compongono una seminatrice

A prescindere da quale sia il modello di seminatrice, possiamo dire che generalmente essa è composta da alcune parti fondamentali che sono:

  • Generatore di energia
    Per le macchine meccaniche, è solitamente un elemento roteante o di forza che si muove grazie al trattore che con un attacco, garantisce energia dinamica che consente: alle tramogge di girare o movimentare la ruota che va a porre la piantina nel terreno o fornisce la forza necessaria per spargere i semi o i concimi granulari. Abbiamo delle seminatrici pneumatiche, quando sono presenti una o più turbine che generano le pressioni o le aspirazioni nella meccanica. Solitamente questo tipo di macchine hanno una grande precisione.
  • Ruote
    Possono essere presenti o meno, in base alla grandezza; quelle grandi consentono il traino del carrello, ed alleviano la pressione sul sollevatore del trattore. Alcuni modelli permettono di agire su di loro, per determinare la profondità della semina.
  • Serbatoi
    Sono degli elementi fondamentali, ed hanno diverse grandezze in base alla loro autonomia ed in base anche al tipo di semi ( nelle seminatrici multifunzionali ve ne sono alcuni anche per il concime). Contengono i semi. Nelle trapiantatrici, ospitano un determinato numero di piantine da seminare in campo aperto..
  • Parti meccaniche mobili
    E’ l’ insieme di: tramogge; rulli dentati; distributori; regolatori della profondità di semina, ecc.

Una volta note le componenti ecco diventare piu facile la scelta di quella che serve.

Dove si acquista la seminatrice

Per acquistare una seminatrice, le domande da porsi sono le stesse che valgono per i trattori tutti i vari accessori: nuovo o usato? Per acquistare un prodotto nuovo è sufficiente rivolgersi ad un punto vendita, magari che sia affiliato con l’azienda produttrice del modello che vi interessa. E’ quindi utile che visitiate i siti web delle diverse aziende, che sono di solito provvisti di foto, caratteristiche tecniche e anche prezzi.

Se scegliete di acquistare un prodotto usato, o direttamente da un privato, dovrete fare la massima attenzione. La conoscenza e la fiducia sono fondamentali. In alternativa rivolgetevi a dei rivenditori specializzati, per avere maggiore garanzia sulla qualità del macchinario e se necessario un’ assistenza tecnica professionale.

Link a siti web utili sulle seminatrici

ENAMA
http://www.enama.it
Il sito di questa associazione, per consultare le sezioni, che riguardano la ricerca, le attività e le divulgazioni.

ENAMA- Seminatrici 
http://www.enama.it/it/agri_bio/seminatrici.php
La sezione del sito precedente, che in modo semplice ma esauriente, vi offre un elenco delle varie seminatrici che sono di solito usate in campo agricolo.

Sfoggia
http://www.sfoggia.com
Il sito del marchio Sfoggia, una delle maggiori aziende produttrici di seminatrici, trapiantatrici e concimatrici. Troverete le immagini e le caratteristiche dei vari modelli disponibili.

Forum Macchine.it
http://www.forum-macchine.it/
Un forum in italiano, dedicato alle macchine agricole ed anche ad altri usi. Troverete degli spazi di discussione tra utenti, e delle sezioni sul mercato di macchinari nuovi e usati.

Informarsi sulle seminatrici

Per tutelare lo sviluppo del settore meccanico agricolo, in Italia è presente l’Ente Nazionale per la Meccanizzazione Agricola, chiamato anche ENAMA. Questa istituzione offre al settore agricolo un ottimo mezzo per il miglioramento della competitività e della tecnologia; il suo obiettivo principale è la sicurezza degli utilizzatori.

L’ente è formato da un gruppo di esperti, che si occupano: della protezione dell’ ambiente; della sicurezza; della circolazione nelle strade delle macchine agricole; delle certificazioni, e via dicendo. I soci di diritto di questo ente sono: il Ministero delle Politiche Agricole; il Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura; l’Istituto Sperimentale per la Meccanizzazione Agricola; le Regioni italiane. I soci aggiunti sono molti, tra cui troviamo: la Confederazione Italiana Agricoltori; la Coldiretti; la Confagricoltura, ecc. Per conoscere tutte le pubblicazioni, le attività di ricerca e di divulgazione, vi consigliamo il web, che si trova in fonda alla guida.







Lascia un Commento

Si prega di inserire solo commenti inerenti l'articolo e l'argomento trattato.