Deumidificatore

Il deumidificatore è un elettrodomestico che allontana l’umidità e non consente quindi la formazione di muffa e deterioramenti. Il deumidificatore raccoglie l’acqua, che andrà a finire in un apposito contenitore. Vedremo poi quali sono le varie tipologie di deumidificatori esistenti sul mercato, a seconda dei modelli, ed anche del prezzo. Il deumidificatore ha caratteristiche particolari, e non deve essere in alcun modo considerato come una spesa inutile. Il suo compito è quello di purificare l’ aria, eliminando l’ umidità. L’umidità non solo causa dei danni materiali alla nostra casa, ma provoca anche problemi al nostro organismo. Il deumidificatore è ottimo da

Deumidificatore

Il deumidificatore è un elettrodomestico che allontana l’umidità e non consente quindi la formazione di muffa e deterioramenti. Il deumidificatore raccoglie l’acqua, che andrà a finire in un apposito contenitore. Vedremo poi quali sono le varie tipologie di deumidificatori esistenti sul mercato, a seconda dei modelli, ed anche del prezzo. Il deumidificatore ha caratteristiche particolari, e non deve essere in alcun modo considerato come una spesa inutile.

Il suo compito è quello di purificare l’ aria, eliminando l’ umidità. L’umidità non solo causa dei danni materiali alla nostra casa, ma provoca anche problemi al nostro organismo. Il deumidificatore è ottimo da usare in tutti gli ambienti umidi della vostra casa; potreste scegliere di porne uno anche in cantina dove a causa dell’ umidità molte delle cose che conserviamo si rovinano.

Umidità e deumidificazione della casa

Ricordate che, le brutte sorprese sono sempre all’ agguato! Avete appena acquistato casa, e solo ora che ci state vivendo vi state accorgendo di alcuni difetti che non avevate notato prima. Per alcuni inconvenienti potrete sicuramente trovare soluzioni fai-da-te, mentre per altre problematiche avrete bisogno di apparecchi appositi. Ad esempio l’umidità in casa, è una nemica che va combattuta.

L’ umidità non è un problema specifico delle case vecchie, può infatti colpire anche costruzioni nuove e moderne. Perché compare l’umidità? Bisognerebbe capire quali sono i materiali che sono stati usati durante la costruzione. I rimedi principali, e maggiormente usati per risolvere, o addirittura eliminare questo problema, sono diversi. Per l’umidità che si trova all’ interno delle pareti, oltre all’ uso di un deumidificatore, vi sono altri rimedi come: l’elettrosmosi e la barriera fisica.

Il primo caso comporta la sistemazione di elettrodi tra il muro e il terreno; invertendo i poli, con il campo magnetico, l’acqua non entra e torna indietro. Il secondo caso invece, richiede un taglio in orizzontale del muro, e l’ introduzione di materiali impermeabili; questi materiali, impediranno il passaggio dell’ umidità. Alcuni tipi di umidità possono essere risolte usando specifiche pitture, chiamate antimuffa. Questi prodotti penetrano all’ interno del rivestimento, creando una protezione davvero efficace. Le pitture antimuffa risolvono il problema solo per un certo periodo di tempo. Dopo un po’, dovrete ripetere l’ operazione.

Cosa rende umida una casa? La causa non sono soltanto gli agenti esterni, come la pioggia che penetra nelle pareti, ma sono in gran parte i materiali usati.

L’umidità può formarsi anche mentre:

  • cucinate
    è consigliabile infatti usare la cappa, o aprire la finestra quando si cucina, per consentire al vapore di disperdersi più velocemente.
  • stirate
    il vapore che si forma intacca le mura
  • fate la doccia o il bagno
    noterete infatti come gli specchi e le finestre si appannino. Vi consigliamo anche in questa situazione di aerare l’ ambiente per consentire al vapore di disperdersi.

Tipologie di deumidificatore

Se non avete una necessità così urgente di un deumidificatore, ma vi serve soltanto in uno degli angoli della vostra della casa, considerando anche le finanze disponibili, potreste scegliere uno di quei contenitori che si possono acquistare in vari negozi. Possono essere posti a terra, ma anche qui la scelta è vasta. Solitamente sono dei contenitori, con una griglia dove viene posta una soluzione per la deumidificazione, composta da “sassolini” bianchi; il tutto viene chiuso con un coperchio forellato.

Il giorno successivo, noterete che il contenitore avrà raccolto l’ umidità e quindi l’ acqua. La polverina può durare anche 6 mesi. I modelli proposti hanno dimensioni differenti, alcuni sono per esempio creati per gli armadi, e hanno una confezione unica ed una durata di sei mesi. Alla fine del periodo, dovrete sostituire entrambi gli oggetti. I primi deumidificatori di cui abbiamo parlato, richiederanno ovviamente di gettare l’ acqua che si è accumulata, inserendo poi la soluzione nella griglia. Il secondo tipo invece, non ha ricariche, ed ha un prezzo contenuto. Una volta terminata la sua efficacia, dovrete gettarlo e comprarne un’ altro.

Non importa quale tipo di deumidificatore scegliate, ricordate sempre di usare questi prodotti con attenzione. Non teneteli alla portata dei bambini, non inalate le sostanze contenute, e lavate bene le mani dopo averlo usato. Se avviene un contatto con gli occhi, rivolgetevi al medico. I mini-deumidificatori sono comodi, e pratici, ed hanno per l’ appunto dimensioni ridotte. Non ingombrano, sono “manuali”, non consumano elettricità, e possono essere spostati facilmente.

Un’ altro tipo di deumidificatori, piuttosto costosi, che presentano però varie caratteristiche, sono quelli ad incasso. Prima dell’ acquisto, rivolgetevi ad un esperto che dovrà controllare l’ ambiente dove verrà posto l’ apparecchio, e vi offrirà dei consigli per l’ uso. Questi deumidificatori eliminano con efficacia l’ umidità presente in un ambiente e rendono l’aria purificata, ma comportano un consuma di elettricità, che è in ogni caso limitato. I deumidificatori ad incasso permettono inoltre di asciugare i panni in pochissimo tempo, in particolare durante l’ inverno.

Un’ altro deumidificatore esistente sul mercato è quello che viene chiamato “portatile”. Se l’ uso che farete di questo elettrodomestico non è frequente, questa soluzione è ottima per voi. Questi deumidificatori possono essere spostati da un ambiente all’ altro. Sono composti da un contenitore dove andrà a finire l’ acqua, e renderanno l’aria sana, allontanando la formazione di muffa e simili. La capacità di acqua contenuta, varia in base al modello.

Alcuni elettrodomestici hanno un sistema speciale, che provoca lo spegnimento automatico, quando il serbatoio è pieno d’ acqua. Se scegliete di sistemare il deumidificatore in bagno, in particolare durante l’ inverno, potrete asciugare meglio i vostri panni. Sappiate anche che, l’ acqua che verrà raccolta potrà essere usata per il ferro da stiro, come se fosse acqua distillata. I prezzi partono da circa 250 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *